La Storia

La nostra passione e il nostro spirito di sacrificio vanno avanti da quattro generazioni, da una famiglia dedita al lavoro legato alla terra e alla cultura contadina. Una famiglia e una tradizione provenienti proprio da Saccol, dove si trova tuttora la Cantina e dove il bisnonno Gaetano agli inizi dell’800 cominciò a produrre i suoi primi tini d’uva (prosecco). L’azienda è stata poi portata avanti dal nonno Adorno, con la nonna Maria, che ci ha aggiunto le sue conoscenze e le sue tradizioni campagnole, per arrivare a mio padre che ha deciso di concentrare tutta l’attenzione sul vigneto, abbandonando l’agricoltura di sussistenza tipica del passato che riguardava anche l’allevamento.

 

Ora, dopo circa 2 secoli, l’anima dell’azienda si è evoluta ma allo stesso tempo è rimasta intatta, rigorosamente a conduzione familiare. Ci siamo impegnati a far crescere un progetto di filiera, dal vigneto alla bottiglia: a coltivare la nostra terra non solo come produttori ma soprattutto come consumatori, prestando molta attenzione a come la lavoriamo, a ciò che usiamo per mantenerla sana e viva, rifiutando le varie etichettature che impone la moda. Fidandoci solo di ciò che la natura ci dona.”

Da diversi anni facciamo parte della Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti FIVI, un’associazione istituita nel 2008 e che raggruppa quasi 1000 vignaioli di tutta Italia con lo scopo di difendere la nostra terra e gli interessi dei propri aderenti in ambito morale, tecnico, sociale, economico ed amministrativo.

valdobbiadene docg vini bastia rebuli michele
valdobbiadene docg vini bastia rebuli michele